Home page

Chi accumula libri accumula desideri; e chi ha molti desideri è molto giovane, anche a ottant’anni.

21 giugno 2017

RECENSIONE: Time Deal di Leonardo Patrignani

Eccoci, finalmente! È arrivata l'ora di parlarvi di uno dei libri che ho aspettato con più ansia negli ultimi mesi. Vorrei poter tornare indietro nel tempo per chiedere: "Leonardo, quando pubblicherai il tuo prossimo romanzo?". L'ho appena terminato e ne sento già la mancanza. Ma, tornando a noi, ora vi accompagno alla scoperta di una storia avvolta da bugie, misteri, un passato da svelare e un futuro tutto da scrivere.

Titolo: Time Deal
Autore: Leonardo Patrignani
Genere: Distopia
Uscita: 13 giugno 2017
Editore: DeAgostini
Prezzo: 14,90
Pagine: 472
Trama: Ci sono promesse che non possono essere mantenute. Come quella che Julian ha fatto ad Aileen. Era solo un bambino quando l’ha vista per la prima volta, e se n’è innamorato perdutamente. Da quel momento ha giurato che non l’avrebbe lasciata mai. Che sarebbe rimasto con lei per sempre. Ma si può davvero promettere per sempre? Non in una città come Aurora. Una metropoli schiacciata da un cielo plumbeo e soffocata dall’inquinamento, in cui l’aspettativa di vita è scesa drasticamente. Almeno fino all’arrivo del Time Deal, un farmaco in grado di arrestare l’invecchiamento cellulare. Nessuno ne conosce i possibili effetti collaterali, solo qualcuno immagina quali possano essere le conseguenze morali e sociali. La città è divisa in due: da una parte chi insegue ciecamente il sogno della vita eterna, dall’altra chi invece rifiuta di manipolare la propria esistenza e preferisce che il tempo scorra secondo natura. Julian è tra questi ultimi. Ma Aileen non ha avuto scelta: figlia di un noto avvocato, che finanzia da sempre la casa farmaceutica del Time Deal, è stata sottoposta al trattamento. Finché qualcosa va storto. Aileen inizia ad accusare disturbi della memoria, e poi sparisce nel nulla. Julian però è disposto a tutto pur di ritrovarla. E di regalarle il loro per sempre.

RECENSIONE
Dopo una trilogia distopica e un thriller paranormale, Leonardo Patrignani torna in libreria con un nuovo romanzo distopico. Questa volta ci dà il benvenuto ad Aurora, un luogo in cui il tempo è destinato a fermarsi per sempre. Aurora è una metropoli che sorge in un'isola, l'unico angolo abitabile del pianeta e immune alle radiazioni che si sono sprigionate nell'atmosfera in seguito ad una guerra nucleare; lo scenario che ci viene presentato al di fuori è post-apocalittico.

La narrazione prende vita circa cent'anni dopo la guerra, cent'anni in cui le persone hanno trovato rifugio ad Aurora, l'isola della salvezza e che potrebbe nascondere la chiave dell'eterna giovinezza. Sembra quasi che Aurora sia stata data in protezione ad una cupola di vetro: gli abitanti sono all'oscuro di tutto ciò che c'è all'esterno e non viene data loro alcuna spiegazione se non la possibilità di non invecchiare mai. Cos'è aurora? E, che fine ha fatto il resto del mondo?

Il romanzo, Time Deal, prende il nome dal farmaco che sta al centro di tutte le vicende narrate tra queste pagine. Un siero in grado di fermare l'invecchiamento del corpo. Può essere assunto a partire dai 15 anni di età, fa in modo che non ci si ammali mai e il corpo non diventa che un guscio immutabile.
Cosa accadrebbe se tutti lo prendessero? Si andrebbe incontro ad un fenomeno di sovrappopolazione? Ha un'efficacia del 100%? Ma la domanda più importante è: Si può scegliere?

La gioventù non è il futuro
La vita eterna non è un sogno
La gioventù è il presente
La vita eterna è realtà

Julian è un ragazzo di sani principi che crede nei valori della vita, così come tutti noi la conosciamo. Ha perso i genitori da quattro anni e deve badare alla sorellina, Sara. Da dieci anni, sebbene molto giovane, ha una storia d'amore con Aileen. La società di cui fanno parte è divisa in due: c'è chi è a favore dell'assunzione del Time Deal, come i genitori di Aileen che la obbligano a prenderlo non appena raggiunti i 15 anni, e chi, come Julian, è decisamente contrario. Le elezioni politiche sono sempre più vicine, i candidati e la TD Pharma sono disposti a tutto pur di vincere.
La vita dei due ragazzi insieme a quella di Stan, il migliore amico di Julian, e di tutte le persone che conoscono, viene improvvisamente messa a soqquadro da rivelazioni impreviste che aprono le porte a quella che è una realtà lontana da ogni aspettativa.

È stato anomalo, ma allo stesso tempo un sollievo, scoprire che la storia d'amore tra Julian e Aileen fosse nata molto prima dell'inizio della narrazione. Uno dei punti che contraddistingue questo romanzo è proprio questo: contrariamente a come accade nella maggioranza dei romanzi young adult, in Time Deal la storia d'amore non funge da perno a cui ruota attorno tutta la storia ma ricopre la funzione di scintilla che dà inizio al susseguirsi di eventi.

Molto utili risultano essere i dialoghi anche se a volte non li ho trovati molto realistici; Leonardo usufruisce dei dialoghi per spiegare e raccontare il passato di Aurora e di tutto ciò che le ruota attorno. Così facendo accompagna il lettore e i personaggi alla scoperta della verità ma impedisce, in parte, ai personaggi stessi di esprimersi poiché si trovano spesso impegnati a spiegare ciò che accade intorno a loro.
Ho apprezzato la narrazione in terza persona in quanto la prima avrebbe creato parecchia confusione. Infatti, i paragrafi risultano essere molto corti e dedicati a vari personaggi, ci permettono quasi di essere in posti diversi nello stesso momento in modo da conoscere tutto ciò che succede in tempo reale. I paragrafi finali, invece, propongono una diversa forma di suddivisione: tengono conto del tempo che scorre, come se le scelte operate dai personaggi e le varie situazioni che sono venute a crearsi, avessero fatto ripartire la lancetta dell'orologio.
Il finale aperto e molti interrogativi rimasti senza risposta fanno pensare ad un possibile seguito, anche se tutto ciò è già stato smentito dall'autore.

Time Deal regala ottimi spunti di riflessione. Il principale, secondo me, è l'importanza del tempo e delle piccole cose che colorano la nostra vita: se l'uomo avesse a disposizione un tempo illimitato finirebbe per rimandare le cose giorno dopo giorno, non darebbe importanza al presente e cercherebbe solamente di accrescere le proprie ricchezze. 

Lo studio svolto dell'autore durante la stesura del romanzo emerge grazie all'utilizzo di termini e spiegazioni in ambito medico e tecnologico. Ciò comporta l'uso di uno stile molto tecnico ma reso scorrevole dal ritmo narrativo grazie agli eventi che si susseguono uno dopo l'altro.

Se mi fossi trovata io in una situazione analoga e qualcuno mi avesse offerto un siero in grado di farmi vivere per sempre senza volere nulla in cambio, come Julian, non ci avrei creduto. Tutto ha un prezzo, ma qual è il prezzo per la vita eterna? E voi, siete pronti a vivere per l'eternità?

In copertina possiamo vedere una clessidra distesa. Il fatto che non sia in piedi dimostra la staticità del tempo, ovvero l'effetto che ha il Time Deal sul corpo umano. Non notate qualcosa di strano, però? Ci sono alcune crepe... Che qualcosa sia andato storto con il farmaco?

Se siete alla ricerca di un romanzo avvincente, ricco di dettagli e misteriosi retroscena, avete tra le mani il libro giusto.

2 commenti:

  1. Ho letto la storia e ne sono rimasto affascinato. L'autore ha saputo scrivere e descrivere con maestria una città post-atomica dominata dalla tecnologia di una potente industria farmaceutica, i suoi protagonisti, la corsa sfrenata al potere. Gran bel romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello, sì! Se hai la possibilità ti consiglio di leggere anche gli altri suoi romanzi. :)

      Elimina